Brand Identity, raccontata in parole semplici (+brand book)

La brand identity è più di un vestito cucito su misura, è più di una macchina con la quale andare a fare un giro in centro, è molto più di un titolo nobiliare.

La brand identity ha a che fare con quello che siamo, come vogliamo parlare e presentarci sotto i vestiti, sotto la pelle, profondamente nel cuore. Il nostro brand rappresenta noi senza parole, è un’immaginario che ha a che fare con la nostra personalità e quello che vogliamo esprimere anche attraverso le attività economiche che promuoviamo o professionali che esercitiamo.

Per questo è molto importante sapere chi siamo, cosa vogliamo dire e come vogliamo che gli altri ci percepiscano. Per questo serve un metodo, delle regole per le quali il messaggio percepito sia univoco e il più possibile vicino a quello che è il nostro ideale di trasmissione.

Perché creare o fare un restyling.

Partendo dal presupposto che ciò che vogliamo e dobbiamo comunicare sia a noi molto chiaro, creare o fare un restyling del logo non solo serve a concentrare la nostra attenzione sui significati essenziali di ciò che vogliamo esprimere attraverso la nostra attività, ma anche a impegnarci nel branding, massimizzazione del valore del marchio attraverso il continuo rinnovo, ricercando periodicamente  la base di un nuovo inizio, al passo con i tempi che cambiano.

La comunicazione quando si parla di restyling implica una nuova voce nel comunicare ciò che abbiamo ripetuto da quando abbiamo cominciato a credere nella nostra impresa, nella sua attività caratteristica e nel nostro nuovo progetto.

Questo non solo rinnova il nostro spirito verso ciò che siamo, ma da un percepito all’utenza della nostra mobilità, della nostra voglia di metterci alla prova, e del desiderio di metterci in discussione per affrontare in maniera dinamica il futuro del business che abbiamo intrapreso con passione e lavoro.

Cosa vuol dire un restyling.

Un restyling deve innanzitutto mantenere lo spirito originale alla base della comunicazione considerando tutto ciò che ha funzionato prima e migliorando le lacune eventualmente mostrate dalla versione originale. Deve essere il più integrato possibile con tutti gli aspetti, fisici e digitali dell’apparato comunicativo, deve essere riconoscibile ed ogni elemento deve essere coordinato e ricondurre ai principi del brand.

non deve seguire la “moda” ma dettarla per il futuro, mantenendosi moderno ma allo stesso tempo duraturo nel tempo.

Vuoi vedere un esempio “concreto”?

Scopri il brand book che abbiamo realizzato per SwizzyLab, clicca qui per scaricarlo

Leave Your Comment